Concorso Guardia di Finanza

Guardia di Finanza: quello che devi assolutamente sapere per prepararti al meglio alle Prove Fisiche del Concorso di selezione delle Fiamme Gialle

Concorso Guardia di Finanza Prove Fisiche

Il corpo della Guardia di Finanza (conosciuto da tutti anche come corpo delle “Fiamme Gialle”) è uno dei più ambiti e più difficili al quale poter accedere tra i vari corpi militari italiani.

Il complesso percorso che conduce alla carriera nella Guardia di Finanza prevede vari step di selezione, tra i quali sono presenti ovviamente anche le prove di efficienza fisica.

Tra i bandi regolarmente previsti per accedere a questo corpo è possibile trovare quelli per:

  • Ufficiali Finanzieri
  • Marescialli Finanzieri
  • Allievi Finanzieri
  • Vice Brigadieri della Guardia di Finanza
 

Come per le altre Forze Armate, anche nella Guardia di Finanza è necessario affrontare e superare alcune prove fisiche, ma con una importante differenza: le prove di efficienza fisica che i futuri finanzieri dovranno superare in modo brillante cambiano in base al comparto specifico che viene scelto.

Vediamole ora nel dettaglio.

Prove Fisiche Guardia di Finanza: Comparto Ordinario e AeroNavale

Scegliendo il Comparto Ordinario della Guardia di Finanza, le prove fisiche da superare saranno:

  • Il salto in alto
  • I piegamenti
  • La corsa dei 1000m
 

Scegliendo il Comparto AeroNavale della Guardia di Finanza, i test fisici da superare saranno invece:

  • Il salto in alto
  • La prova di nuoto stile libero 25m
  • La corsa dei 1000m
 

Durante lo svolgimento di tutte queste prove, nel giorno del concorso si avrà la possibilità di incrementare il punteggio finale in base alla qualità della prestazione eseguita.

I punteggi che verranno concessi dai selezionatori della Guardia di Finanza sono:

  • Idoneo: viene assegnato come punteggio minimo per poter superare la prova, ma è superfluo dire che il suo valore all’atto pratico è quasi nullo, dato che verrà superato dai punteggi di merito maggiore;
  • Valori incrementali con intervallo di mezza unità: a seconda della qualità della prestazione eseguita è possibile ottenere valori pari a 1,0 – 1,5 – 2 – 2,5 – 3,0 che si aggiungono al punteggio rilevato.
 

Ripeterò e continuerò a sostenere all’infinito quanto sia di fondamentale importanza prepararsi al meglio alla prova con l’obiettivo di ottenere un’ottima forma fisica per poter raggiungere i massimi punteggi in tutte le prove, in modo tale di aumentare le possibilità di essere considerati Idonei alla commissione finale senza alcun loro dubbio.

La grinta e la tenacia che metterai in tutte le prove, verrà sicuramente notata dai giudici perché sarà un perfetto segnale che indicherà quanto realmente desideri arrivare al tuo obiettivo, cioè quello di indossare l’amata ed ambita divisa delle Fiamme Gialle.

Prova di Salto in Alto per la selezione di futuri finanzieri

La prova di salto in alto nei concorsi della Guardia di Finanza verrà eseguita all’aperto in un impianto di atletica leggera.

La dotazione quindi sarà standard, così come le dimensioni dell’area dove si svolgerà la prova.

Per ottenere l’idoneità il futuro finanziere maschio deve effettuare un salto di almeno 1,10m, mentre per le aspiranti donne finanziere il valore minimo si abbassa 0,95 metri.

Si, hai già capito. 

Questo valore non sarà mai sufficiente per poter superare il concorso.

Per ottenere l’eccellenza si dovrà raggiungere un’altezza di 1,35 metri per gli uomini e di 1,20 metri per le donne!
Non è proprio la stessa cosa, non ti pare?!

E non è finita. Non avrai di certo tutto il tempo che vorrai per poter eseguire l’esercizio.
Per effettuare i tuoi salti migliori avrai a disposizione solo 2 tentativi della durata di 3 minuti ciascuno

Prova a immaginarti davanti alla corsia di rincorsa: hai solo due tentativi, …i secondi passano in fretta, …sei davvero pronto per effettuare un salto che potrebbe decidere il tuo futuro professionale nelle tanto ambite Fiamme Gialle?

Non credi che sia meglio prepararsi nel modo corretto a quel salto?

I piegamenti sulle braccia

Presenti in quasi tutti i concorsi di selezione militare, i piegamenti sulle braccia (o comunemente chiamate anche flessioni sulle braccia) sono da sempre un indice di forza del tronco superiore.

Chi non ne ha mai fatto qualcuno?

Ci si posiziona con la pancia a terra (in termine tecnico si dice “proni”) con i palmi rivolti verso il pavimento.

Al segnale del giudice si dovranno distendere le braccia in modo tale da sollevare il proprio corpo, in appoggio su mani e piedi, e… tutto qui?!? 

Direi proprio di no.

La vera difficoltà sta proprio in alcuni dettagli fondamentali e specifici richiesti nell’esecuzione dell’esercizio in ambito militare, che sono completamente diversi dal modo in cui ogni civile è abituato (o ha visto) farle.

Il braccio, le mani, il busto, tutto deve avere una precisa posizione e deve seguire delle specifiche regole.
Stiamo parlando di ambiente militare e le regole sono tutto. Se non dimostri di rispettarle in un semplice esercizio, come puoi pensare di convincere un tuo selezionatore (militare) della tua volontà di essere arruolato?

Il numero minimo di piegamenti sulle braccia nei concorsi delle Fiamme Gialle è pari a 12 ripetizioni per i maschi, e di 10 ripetizioni per le femmine; per raggiungere il punteggio massimo invece si dovrà arrivare a 30 ripetizioni per i maschi e 28 per le femmine. Praticamente il triplo!

La corsa dei 1000m piani

La prova di corsa dei mille metri piani per il corpo della Guardia di Finanza viene eseguita su una pista di atletica della lunghezza di 400m: per poterla portare a termine bisognerà quindi percorrere 2 giri e mezzo in un tempo minimo.

Il tempo richiesto per coprire i 1000 metri è un minimo di 4’45” per gli uomini (idoneità) fino a un tempo che sia inferiore ai 3’44” per poter ottenere il massimo punteggio.

Per le donne aspiranti finanziere il tempo minimo per l’idoneità è di 5’29”, fino ad una prestazione inferiore a 4’30” per poter raggiungere ed ottenere il punteggio massimo.

Non è semplice, ma con la giusta preparazione si arriva tranquillamente al risultato. Te lo dico per esperienza.

La prova di nuoto – 25 metri a Stile Libero

Se desideri entrare nel comparto Aeronavale della Guardia di Finanza allora devi affrontare la prova di nuoto a tempo per una lunghezza di 25 metri a stile libero.

La partenza di questa prova è prevista da bordo piscina con un tuffo, quindi anche l’ingresso in acqua è fondamentale.

È importante sottolineare che la piscina dove si svolge questa prova non è una piscina di tipo olimpico ma molto più corta, lunga giusto la distanza che viene richiesta, cioè di 25metri.

I tempi richiesti per gli uomini sono di 22 secondi per l’idoneità mentre per le donne si sale a 25 secondi.

Per ottenere il punteggio massimo si deve percorrere la vasca di 25 metri nuotando ad un tempo pari o inferiore di 14”99 per gli uomini mentre un tempo pari o inferiore a 17”99 per le donne.

Dove si svolgono le prove fisiche della Guardia di Finanza

Le prove fisiche dei concorsi di selezione per il corpo della Guardia di Finanza (chiamato anche Fiamme Gialle) vengono svolte presso il Centro di Reclutamento Roma Lido di Ostia.

Non sottovalutare le Prove di Efficienza Fisica dei Concorsi delle Forze Armate e delle Forze dell'Ordine
Se vuoi un vero aiuto concreto per poterle superare ed ottenere un punteggio extra che ti aiuterà a salire in graduatoria, contattami ed analizzeremo insieme il tuo obiettivo.

Qualche approfondimento dal mio blog:

L’analisi della composizione corporea è un importante test che permette di valutare la percentuale di massa magra e la percentuale di massa grassa nell’organismo…
Claudio Cherchi Personal Trainer Forze Armate e Forze dell'Ordine

Non Rimandare Oltre!
CONTATTAMI SUBITO

Scopri come posso aiutarti a superare le Prove Fisiche
Contattami