L’analisi della composizione corporea è un importante test che permette di valutare la percentuale di massa magra e la percentuale di massa grassa nell’organismo di una persona.

Associati ad un adeguato allenamento, questi valori risultano essere fondamentali per poter superare le prove fisiche di selezione dei vari concorsi delle forze armate.

L’analisi della composizione corporea si può effettuare principalmente grazie a due strumenti:

  • La Bioimpedenziometria
  • La Plicometria

Vediamo ora, senza entrare in dettagli troppo tecnici, il vero motivo della loro importanza nella tua fase di allenamento.

Massa grassa e massa magra: valori di riferimento per i concorsi

Nei concorsi di selezione delle Forze Armate, questo test viene richiesto in modo particolare in Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Penitenziaria.

Bisogna prestare molta attenzione e tenere sotto controllo questo parametro per evitare di avere spiacevoli sorprese nel momento in cui si andranno a fare le visite mediche.

Ci sono dei range entro cui bisogna rientrare per poter superare i concorsi, che vanno dal 7% al 22% di massa grassa per i maschi e da 12 a 30% per le femmine, seppur sia consentito un margine di scarto di qualche punto percentuale all’atto della misurazione.

Se questi parametri non vengono rispettati si corre il rischio di essere scartati dal concorso oppure rimandati di qualche settimana per ulteriori accertamenti.
Questo può accadere anche se si è superato le prove fisiche: infatti ci sono stati dei casi in cui dei candidati non sono risultati idonei proprio per l’elevata percentuale di massa grassa, ma per assurdo anche alcuni candidati che son stati respinti perché troppo magri ed esili, nonostante alle prove fisiche abbiano ottenuto punteggi altissimi.

Prova a pensare se una cosa del genere dovesse accadere proprio a te?
Passi gran parte del tuo tempo a prepararti, ad allenarti, a studiare…. e poi vieni scartato per il mancato rispetto di un parametro!

Non pensi anche tu che non valga proprio la pena correre questo rischio?

Durante i miei programmi di allenamento, proprio per tenere sotto controllo questa importante percentuale in modo preciso, effettuo questo test direttamente nel mio studio privato attraverso apparecchiature specifiche e professionali, in modo da valutare con esattezza l’andamento del percorso di allenamento. Con questo procedimento potremo anche rilevare informazioni anche sulla composizione della massa muscolare.

Tutto ciò ti garantirà di avere tutte le informazioni possibili per poter arrivare al concorso in tutta sicurezza, senza andare alla cieca con il rischio anche di fare brutte figure.

Analisi Composizione Corporea: come rimediare a valori fuori norma

In caso in cui i valori fossero molto distanti dal range richiesto, oltre all’allenamento fisico, sarà necessario lavorare molto sulla nutrizione.

All’occorrenza quindi, nei mei programmi di allenamento, ci sarà la possibilità di essere seguiti da un nutrizionista di mia fiducia che ti aiuterà a portare i valori nella norma in perfetta armonia con la mia preparazione, in quanto con gli allenamenti fisici è possibile modulare e strutturare la propria composizione corporea.

Un’accoppiata davvero potente e dai risultati sorprendenti!

Bioimpedenziometro: come misurare la composizione corporea

Uno degli strumenti necessari per l’analisi della composizione corporea è il bioimpedenziometro.

Senza cadere in tecnicismi noiosi, possiamo dire che questo strumento misura le due componenti dell’impedenza del corpo, ovvero la resistenza e la reattanza al passaggio di una corrente alternata a bassa frequenza.

Non tutti i bioimpedenziometri sono uguali: il bioimpedenziometro in mio possesso ha un livello di specificità molto elevato e viene anche utilizzato dagli specialisti del settore. Si tratta di strumentazione professionale e identica a quella utilizzata direttamente durante i concorsi di selezione militare.

Inoltre si tratta di apparecchiature costose: non troverete di certo un apparecchio del genere su Amazon o in quelle farmacie che vi promettono un’analisi dettagliata delle masse con soli 2 €, dove con certezza vi forniranno invece valori con enormi margini di errore.

Effettuare invece le rilevazioni con strumenti professionali, oltre ad avere dati accurati, eviterà di farti trovare di fronte a situazioni spiacevoli e di sicuro imbarazzo, oltre al rischio di perdere la possibilità di superare un concorso, a causa di una misurazione grossolana di valori importanti.

Monitorare i valori di massa magra e massa grassa con l’allenamento

Un allenamento fisico specifico, se fatto in maniera coerente e mirata, permette di migliorare il proprio peso corporeo, riducendo il grasso in eccesso e creando tessuto muscolare.

Il peso corporeo è solo un numero e che non spiega esattamente le cose: non ha un reale significato perché quello che conta è come vengono distribuiti i chili nel nostro organismo.

Con il deficit calorico, cioè il maggior numero di calorie in uscita rispetto a quelle in entrata, si tenderà a perdere peso.
Noi, nel nostro allenamento personalizzato, andremo a lavorare anche su questo aspetto.

Oltre agli allenamenti per il superamento delle prove fisiche dei concorsi militari e alla mia assistenza costante durante tutta la preparazione, avrai quindi anche la possibilità di usufruire di questo servizio di Analisi Composizione Corporea, che mira a rilevare, gestire e seguire questi  importanti parametri.

Plicometria: rileva l’andamento corretto del tuo percorso di allenamento

Oltre all’analisi bioimpedenziometrica, potrai inoltre usufruire della misurazione delle pliche cutanee, tramite uno strumento chiamato Plicometro.

Con questo strumento, misurerò 7 punti specifici del tuo corpo con i quali, attraverso un procedimento preciso, si potrà ottenere una rilevazione importante.

Questo dato, se combinato a quello dell’analisi bioimpedenziometrica, garantirà un risultato molto più preciso, chiaro e difficilmente controvertibile!

Quest’analisi non serve farla una volta sola perché non avrebbe senso! È un’analisi che necessita di intervalli precisi per una vera efficacia: la prima volta per avere una panoramica generale iniziale, una successiva a metà percorso per tenere sotto controllo i dati e valutare se tutto sta andando nella direzione giusta. ed infine una al termine della preparazione, affinché si abbia la certezza che ogni parametro sia in regola come richiesto dal bando del concorso specifico.

Bioimpedenzioteria e Plicometria: due alleati importanti per superare i concorsi delle prove fisiche militari

Come hai sicuramente compreso, l’allenamento fisico è certamente importante, ma deve essere necessariamente affiancato anche ad altro: una nutrizione adeguata al tuo corpo, una rilevazione di parametri fondamentali e di riferimento unico in fase di selezione, l’utilizzo di strumentazione specifica e professionale, il tutto seguito da un preparatore con comprovate competenze e, molto importante, che è sempre disposto ad ascoltare e consigliare al meglio (ed oltre) i propri allievi.

Pensi ancora che sia sufficiente correre al parco, fare qualche flessione, sfinirsi di addominali, inventarsi diete e seguire consigli per ‘sentito dire’?

Il tuo corpo è unico ed è solo tuo. Hai un tuo stile di vita, una tua forma fisica, delle tue predisposizioni. Esercizi che vanno bene per un tuo amico non possono essere adatti al 100% per te.

Di sicuro non con i tempi che ti aspetti e senza alcun valore ufficiale (riconosciuto poi durante il concorso) da verificare.

Vuoi davvero rischiare di mandare a monte la possibilità di superare un concorso di selezione delle forze armate? Secondo me no.

Se vuoi davvero darti una vera possibilità di carriera e vuoi un aiuto concreto nel superare le prove fisiche del concorso, contattami senza alcun impegno ed insieme troveremo l’allenamento più adatto a te.